FASST - Formazione per l'Agricoltura Sociale
 e Sviluppo Territoriale

Pianificare e implementare efficaci iniziative di agricoltura sociale 1


BP10_IT  

 Titolo
Pianificare e implementare efficaci iniziative di agricoltura sociale 1

 Parole chiave
Agricoltura Sociale Pianificazione

 Autore
PARS

 Lingua
Italian

 Obiettivi
L'obiettivo di questo modulo è quello di presentare delle indicazioni per la pianificazione di efficaci iniziative di agricoltura sociale. Si descrivono i principali aspetti della pianificazione e delle attività operative, focalizzando l'attenzione sui soggetti dell'agricoltura sociale e del gruppo di lavoro. Successivamente vengono proposte alcune indicazioni riguardo la scelta degli obiettivi, la formazione, la sicurezza e le modalità di coinvolgimento dei soggetti svantaggiati. Infine si illustrano le attività di monitoraggio e valutazione, attività che consentono di comprendere l'efficacia dei progetti di agricoltura sociale e apportare eventuali modifiche e miglioramenti in base al grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati.


 Contenuto in breve
1. Modulo : Pianificare e implementare efficaci iniziative di agricoltura sociale 1.1. Unità: La pianificazione delle attività 1.1.1. I soggetti dell'agricoltura sociale 1.1.2. I passi della pianificazione 1.1.2.1. Contenuti: La ricerca dei partner La rete di relazioni L'accordo di collaborazione 1.1.3. Il gruppo di lavoro 1.1.3.1. Contenuti: L'imprenditore agricolo i professionisti socio-sanitari Il tutor Le caratteristiche del tutor le professionalità agricole le professionalità sociali 1.2. Unità: Le Fasi operative 1.2.1. Gli obiettivi 1.2.2. La scelta delle attività efficaci 1.2.3. La programmazione delle attività 1.2.4. Precauzioni di sicurezza 1.2.5. La formazione iniziale 1.2.6. Modalità di comunicazione 1.2.7. Modalità di coinvolgimento 1.3. Unità: La valutazione delle attività 1.3.1. Il monitoraggio e la valutazione 1.3.1.1. Contenuti: Il monitoraggio e la valutazione La valutazione Le fasi della valutazione La valutazione iniziale La valutazione intermedia La valutazione finale 1.3.2. L'efficacia del percorso 1.3.3. Modalità di valutazione


 Contenuti


 La pianificazione delle attività

La pianificazione delle attività


  Obiettivi

In questa unità sono presentati alcuni suggerimenti per la pianificazione di efficaci iniziative di agricoltura sociale. L'obiettivo è quello di descrivere i principali aspetti della pianificazione e delle attività operative, focalizzando l'attenzione sui soggetti dell'agricoltura sociale e del gruppo di lavoro. In seguito si propongono alcune indicazioni sulle modalità operative  quali la scelta degli obiettivi, la formazione, la sicurezza e le modalità di coinvolgimento dei soggetti svantaggiati


  I soggetti dell'agricoltura sociale

I soggetti coinvolti nelle iniziative di agricoltura sociale sono molteplici a seconda del ruolo svolto e delle specifiche competenze. L'agricoltura sociale può coinvolgere:

• Imprese agricole private;
• Soggetti appartenenti al settore pubblico;
• Soggetti che operano nel settore dei servizi sociali (imprese sociali, cooperative, associazioni, fondazioni).

 



  I passi della pianificazione



  La ricerca dei partner

Chi intende promuovere un progetto di agricoltura sociale dovrà saper creare e gestire una rete di relazioni tra più partners con i quali collaborare per la realizzazione delle attività.



  La rete di relazioni



  L'accordo di collaborazione

Le relazioni tra i diversi partecipanti al progetto di agricoltura sociale devono essere formalizzate tramite specifico accordo scritto. L'accordo di collaborazione partenariato/protocollo di Intesa è il documento che:

  • definisce i compiti di tutti i partner coinvolti;
  • elenca chiaramente gli obiettivi dell'accordo e le attività da svolgere;
  • definisce le responsabilità dei partner;
  • definisce le modalità di coordinamento delle azioni.


  Il gruppo di lavoro

• L'imprenditore agricolo;
• I professionisti socio-sanitari;
• Il ruolo del tutor;
• Caratteristiche del tutor;
• Professionalità agricole;
• Professionalità sociali.

Il gruppo di lavoro dovrà essere formato unendo professionalità agricole e sociali. Le figure che solitamente compongono il gruppo di lavoro sono l'imprenditore agricolo, i professionisti socio-sanitari e il tutor.

  • L'imprenditore agricolo conosce le necessità dell'azienda, organizza e coordina i lavori cercando di coinvolgere tutti nelle diverse attività;
  • Professionisti socio-sanitari: assistente sociale, educatore, psicologo, psicoterapeuta, operatore socio-sanitario.

Ogni figura è caraterizzata da specifiche professionalità.

  • Il tutor svolge il ruolo di mediatore tra l'imprenditore agricolo, i soggetti a cui sono rivolte le iniziative di agricoltura sociale ed i diversi professionisti dei servizi sanitari e sociali. Il tutor solitamente è la figura che accompagna il soggetto in tutte le fasi del progetto di agricoltura sociale e che partecipa insieme alla persona a lui affidata alle attività. Il tutor deve avere anche delle competenze agricole per saper guidare in maniera efficace le attività e gestire gli imprevisti.

 



  Competenze del tutor



  Il gruppo di lavoro: le professionalità agricole

Le competenze agricole sono fondamentali. Chi gestisce o dovrà gestire l'azienda agricola deve possedere adeguate competenze in campo agricolo e relative conoscenze tecniche. Le competenze agricole devono essere presenti non solo nell'imprenditore agricolo ma anche nel tutor che seguirà le attività di agricoltura sociale.
E' importante inoltre capire i motivi che spingono l'imprenditore agricolo ad avviare percorsi di agricoltura sociale. Possono esserci motivazioni di stampo religioso, etico-morale, strategiche- economiche o imprenditoriali (ad esempio, la volontà di diversificare le attività aziendali per superare le difficoltà di mercato e trovare nuovi sbocchi reddituali).



  Il gruppo di lavoro: le professionalità sociali

I professionisti del settore socio-terapeutico e socio-assistenziale hanno un ruolo decisivo nell'accompagnare la persona affidata in un nuovo percorso di agricoltura sociale. In aggiunta alle competenze medico/riabilitative e alle competenze relazionali, sono importanti una serie di capacità che completano la figura dell'operatore “tutor”:

  • Accettazione dei limiti: capacità di accettare i limiti e le difficoltà della persona affidata, considerandole delle peculiari caratteristiche della propria sua personalità;
  • Motivazione: motivare, spingere alla collaborazione e alla comprensione del senso dell'impegno e della fatica, lavorando al fianco della persona affidata (“scaffolding”);
  • Approccio tra pari: stimolare la capacità di replicare le azioni illustrate attraverso un approccio all'insegnamento “tra pari” e non ponendosi ad un livello superiore;
  • Obiettivo comune: concentrare l'attenzione sull'obiettivo comune e non sulla prestazione del singolo;
  • Imprevisti: sapere cogliere e gestire gli imprevisti;
  • Tolleranza all'errore: accettare un certo grado di libertà d’azione e tolleranza dell'errore;
  • Decisione: sapere prendere delle decisioni ma anche essere pronto a rivedere le proprie posizioni al mutare delle condizioni;
  • Osservazione: essere attento nell'osservazione per ricavare sempre nuovi spunti di intervento nella valutazione e progettazione delle attività;
  • Incoraggiamento: incoraggiare, senza esagerare, i risultati positivi di una determinata azione.


 Risultati

• Saper individuare la rete dei soggetti coinvolti in iniziative di agricoltura sociale. • Comprendere la composizione del gruppo di lavoro e le professionalità coinvolte • Comprendere i passaggi per una pianificazione efficace di iniziative di agricoltura sociale definendone obiettivi e attività • Valutare gli elementi che guidano la scelta delle attività di agricoltura sociale. • Individuare le caratteristiche della formazione per gli utenti coinvolti in attività di agricoltura sociale e le modalità di comunicazione. • Comprendere l'importanza del processo di monitoraggio e di valutazione delle attività di agricoltura sociale. • Riconoscere le diverse variabili che influiscono nel processo di valutazione. • Conoscere gli strumenti base per valutare l'efficacia delle attività di agricoltura sociale.

 Bibliografia

Comunello F., Berti E., (2013) "Fattoria sociale" Erickson.





Di Iacovo F. (2010) “L’agricoltura sociale: pratiche e paradigmi nello scenario comunitario”, L’agricoltura oltre le crisi”, Atti XLVII Convegno di Studi SIDEA Campobasso, 22-25 settembre 2010





Di Iacovo F. (a cura di) (2008), Agricoltura sociale: quando le campagne coltivano valori, FrancoAngeli, Milano.





 





Di Iacovo F., Moruzzo R., Rossignoli C., Scarpellini P., (2013), “Progettare l'agricoltura sociale”, Quaderni Cesvot. https://www.cesvot.it/documentazione/progettare-lagricoltura-sociale





 





Di Iacovo F., O’Connor D. (a cura di) (2009), Supporting Policies for Social Farming in Europe: Progressing Multifunctionality in Responsive Rural Areas, Arsia, Lcd, Firenze.





 





Giarè F., Macrì M.C. La valutazione delle azioni innovative di agricoltura sociale, Inea 2012. http://dspace.inea.it/handle/inea/513





Haller R., Capra L. C. (2016), "Horticultural therapy methods", CRC Press,





http://www.kairoscoopsociale.it/agricultura-sociale/





 





Inea (2011), Agricoltura, ambiente e societĂ , Il Sole 24 Ore Agrisole.





 





Inea (2012) La valuzione delle azioni innovative di agricoltura sociale  http://dspace.crea.gov.it/handle/inea/513





 





Kinsella J. (2014), Social Farming Handbook: Guidelines for considering, planning, delivering and using social farming services in Ireland and Northern Ireland, School of Agriculture and Food Science,University College Dublin.





Michaelson J., Mahony S. Schifferes J. (2012),“Measuring Well-being: A guide for practitioners” Nef.





Pascale A. (2009), "Linee guida per progettare iniziative di Agricoltura Sociale, INEA, Roma.





 





Ricciardi G., Dara Guccione G. (2018) “I beneficiari degli interventi di AS”, Roma 23 Aprile CREA-PB.





Righetto, Costantina (2015) Giardini per rivivere: orticoltura e giardinaggio a fini terapeutici in contesti sanitari, [Dissertation thesis], Alma Mater Studiorum UniversitĂ  di Bologna. http://amsdottorato.unibo.it/7169/





Sempik J., Hine R., Wilcox D., (2010) “Green Care:A Conceptual Framework”, Loughborough University.





Zampetti A. (2017), “Agricultura sociale. Seminare innovazione nei territori”, Kairos Cooperativa Sociale.




 Training Fiche PPT:
159_fasst_course_pars_1_pianificazione.odp